Il Portale Sardo

-


Servizi:
 Viaggiare
Cartoline virtuali
Cartoline della Sardegna
 Photo Gallery
 Archeo News
 Libro degli Ospiti
 Forum
Notizie dal web
 Annunci gratuiti
Approfondimenti:
 Portale Lavoro
 Borsa on line
 Quotidiani
 Antiche mappe della città di Cagliari
  Portali regionali
Altro
 Edilizia
 Auto moto e ricambi
 Informatica
Notizie e ultime scoperte archeologiche in Sardegna
Notizie di Luglio 2005
 

  • Nasce a Bitti il Museo multimediale del Canto a Tenore
    Nasce a Bitti il primo museo dedicato ad una delle più ricche ed interessanti forme polifoniche di tradizione orale di tutto il Mediterraneo e l'Europa continentale: il canto a tenore. Il museo, che sarà inaugurato sabato 30 luglio nella cittadina in provincia di Nuoro, è stata presentata alla stampa a Cagliari presso le sale del Lazzaretto dal registra multimediale Francesco Casu e dall'architetto Olindo Merone, alla presenza dell'assessore comunale di Bitti Paquito Farina e dei componenti il gruppo dei tenores "Remunnu 'e locu" famosi in tutto il mondo.
    >> Continua >>

  • Iniziati i nuovi scavi e le opere di consolidamento del castello di Sassai
    Silius (Ca) - Con un finanziamento di 550,000 euro si potranno completare gli scavi e le opere di consolidamento del castello di Sassai, che si trova a tre chilometri dall'abitato di Silius. Dopo aver eliminato tutta la vegetazione che sommergeva il monumento, si iniziano a vedere tutte le strutture del castello, parte delle grosse mura di cinta, il grande torrione, (la parte più antica del castello) un forno esterno, una cisterna, e alcuni ambienti sotterranei che forse erano adibiti a prigione, come testimoniano gli anelli di ferro ancora attaccati ai muri. Il castello di Silius risale al periodo giudicale, poi utilizzato sino a tutto il periodo aragonese, fu una delle roccaforti più importanti del Gerrei, data la sua posizione che permette di dominare tutte le vallate circostanti, dal Campidano alla Trexenta.

  • Una nuova campagna di scavi nella necropoli prenuragica di Is Loccis Santus
    San Giovanni Suergiu(Ca) - La necropoli prenuragica di Is Loccis Santus, è una delle più importanti e meglio conservate del Sulcis. La nuova campagna di scavi, coordinata dal Comune e dalla Sovrintendenza ai beni archeologici di Cagliari inizierà presto, la necropoli è composta da tredici "domus de janas" risalenti al Terzo millennio avanti Cristo, è stata scoperta più di trent'anni fa...
    >> Continua >>

  • Sono ripresi gli scavi nella necropoli di Pill'e Matta
    Quartucciu(Ca) - Il primo intervento da parte dell'equipe della Soprintendenza, guidata dall'archeologa Donatella Salvi, è stato l'apertura di una tomba, dopo aver scavato per quasi due metri gli archeologi hanno riportato alla luce la deucentotredicesima tomba, si tratta di una tomba del periodo tardo romano...
    >> Continua >>

  • Nuovi scavi archeologici nella grande necropoli punico-romana di "Mitza e Siddi"
    Ortacesus (Ca) - Grazie ad un finanziamento di 900,000 euro sono iniziati i nuovi lavori nell'area archeologica di "Mitza e Siddi"a tre chilometri dal centro abitato di Ortacesus. I primi risultati nel 2001 sono stati sorprendenti, sono state individuate più di cento tombe, e recuperati decine di corredi...
    >> Continua >>

  • Un nuovo percorso turistico archeologico, mentre riprendono i lavori al Nuraghe Su Angiu
    Mandas (Ca) - Proseguono i lavori di scavo e consolidamento al Nuraghe Su Angiu, grazie ad un nuovo finanziamento.
    Sarà presto realizzata una strada per collegare tra loro i due monumenti di Mandas: l'area di Santa Lucia e il nuraghe Su Angiu, la nuova strada permetterà un facile accesso ai due siti archeologici, agevolando i turisti. Il termine dei lavori è previsto per la fine dell'anno.

  • Riprendono i lavori di scavo e salvaguardia delle Terme Romane
    San Basilio (Ca)- Dopo dodici anni finalmente riprendono i lavori alle Terme Romane di San Basilio, grazie ad un nuovo finanziamento di 650.000 euro. Il sindaco potrà indire l'appalto per affidare i lavori, che saranno realizzati entro il 2006. Gli ultimi scavi del 1993 avevano riportato alla luce: due vasche, il forno ed altre strutture romane, ma ci sono tracce anche dei lavori realizzati dai monaci basiliani nel periodo bizantino, gli stessi monaci che costruirono la chiesa di San Basilio vicinissima alle Terme, anche questo monumento sarà salvato, con l'aiuto della Cei per realizzare nuove opere di consolidamento, questo monumento è in uno stato particolarmente pericoloso, rischia infatti di crollare e la facciata è stata puntellata con una struttura di legno.

  • Ritrovato un muro nuragico e una scalinata tra le fonti sacre di Gremanu
    Fonni (Nu) - Durante i recenti lavori della Sovrintendenza di Nuoro, realizzati per salvaguardare l'unico esempio di acquedotto nuragico nella zona delle fonti sacre nuragiche di Gramanu, son venuti alla luce due esempi di archittetura nuragica: un grosso muro di sostegno e una grande scalinata in pietra di accesso alle fonti. Durante i lavori saranno realizzate anche le strutture di accoglienza per tutto il sito di Gremanu, che diventerà un parco archeologico, la fine dei lavori è prevista per Settembre.
    Continuano frattanto anche i lavori di scavo e consolidamento al nuraghe Dronnoro

  • Scoperto un menhir prenuragico
    Isili (Ca) - Durante gli scavi per la costruzione della strada panoramica, dai mucchi di terra spostati dalla ruspa è emersa la parte superiore di un menhir prenuragico frammentata in tre parti, non ci sono tracce della parte inferiore. Il reperto è alto circa 60 cm.si presume che in origine il menhir fosse alto circa 2 metri. La statua menhir ha la classica forma ogivale, è realizzata in calcare bianco, tipico della zona di Isili, e presenta sul davanti i segni stilizzati del viso, mentre non ha nessun altro segno caratterizzante, ciò fa pensare che possa essere una rappresentazione femmenile. Dai primi accertamenti si pensa possa risalire al 2500 a.C., e probabilmente è stato spezzato intenzionalmente, si vedono infatti i segni dello scalpello usato per spezzarlo. Secondo la dott. Mariella Pisci, presidentessa dell’Archeoclub, potrebbe provenire dall'area della tomba di Murisiddi, dove negli scavi del 1996 sono stati trovati altri frammenti di Menhir.

|| Segnala questa pagina a qualcuno || Commenta una notizia nel Forum ||

Informazioni:
 Home Page
 Chi siamo
 Spazi Pubblicitari
 Creazione siti web
 Contatti
 Segnala questa pagina
Newsletter
Iscriviti
Cancellati

 
- © Il Portale Sardo 1999 - 2006 - Tutti i diritti riservati - Vietata la riproduzione anche parziale - e-mail: